Concorso Regione Campania 2019: tutte le informazioni

Concorso Regione Campania 2019: tutte le informazioni

Sono stati pubblicati i primi due bandi per la partecipazione al Concorso della Regione Campania 2019. A bando, per il momento, la Regione Campania ha previsto il reclutamento di 2.215 unità, rispetto alle diecimila posizioni ipotizzate in un primo momento, suddivisi in due bandi. Vediamo nel dettaglio quali sono le caratteristiche dei due bandi, i requisiti e le informazioni per partecipare.

I bandi per i concorsi della Regione Campania

Come detto, almeno per il momento, la Regione Campania ha pubblicato solo due bandi per il reclutamento di 2.215 unità in totale. In particolare, queste sono suddivise in:

  • 1.225 unità, categoria giuridica C, posizione economica C1 a tempo indeterminato presso la Regione Campania e gli Enti locali della Regione Campania;
  • 950 unità, categoria giuridica D, posizione economica D1, a tempo indeterminato presso la Regione Campania e gli Enti locali della Regione Campania.

Vediamo nelle specifico le due procedure concorsuali.

Concorso per categoria giuridica C

Il corso-concorso della Regione Campania per la categoria giuridica C, posizione economica C1, in estrema sintesi, è il concorso per quei profili in possesso di diploma di scuola secondaria. In particolare, con questo bando, la Regione Campania ha messo a bando 1.225 posti a tempo indeterminato. Nello specifico, le unità saranno così suddivise:

  • 187 unità saranno dislocate presso la Regione Campania;
  • 18 unità saranno impegnate presso il Consiglio regionale della Campania;
  • 1.020 unità saranno distribuite presso gli Enti locali della Regione Campania.

I profili di categoria C ricercati in Campania

I profili ricercati per il concorso delle unità di categoria C sono molteplici. In estrema sintesi, secondo le richieste della Regione Campania e degli Enti locali campani, possono essere suddivisi in:

  • 121 unità di personale di ruolo a tempo indeterminato per il profilo di istruttore risorse finanziarie e istruttore contabile (codice CFC/CAM);
  • 380 unità di personale di ruolo a tempo indeterminato per il profilo di istruttore amministrativo (codice AMC/CAM);
  • 134 unità di personale di ruolo a tempo indeterminato per il profilo di istruttore tecnico (codice TCC/CAM);
  • 71 unità di personale di ruolo a tempo indeterminato per il profilo di istruttore sistemi informativi e tecnologie e istruttore informatico (codice ITC/CAM);
  • 20 unità di personale di ruolo a tempo indeterminato per il profilo di istruttore comunicazione e informazione (codice CIC/CAM);
  • 52 unità di personale di ruolo a tempo indeterminato per il profilo di istruttore policy regionali e istruttore culturale (codice CUC/CAM);
  • 22 unità di personale di ruolo a tempo indeterminato per il profilo di istruttore socio-assistenziale (codice SAC/CAM);
  • 425 unità di personale di ruolo a tempo indeterminato per il profilo di istruttore di vigilanza (codice VGC/CAM).

I requisiti per l’ammissione al concorso

Per la partecipazione al concorso, ci sono due tipologie di requisiti: quelli generali e quelli specifici per ciascun profilo ricercato. I requisiti generali sono più o meno quelli previsti per qualsiasi procedura concorsuale. L’unica eccezione riguarda l’età, che non prevede limiti ad eccezione del compimento del 18° anno. Per questo, rimandiamo direttamente al bando per gli approfondimenti del caso.

Per quanto riguarda i requisiti specifici, invece, questi si suddividono in:

  • codice CFC/CAM (istruttore risorse finanziarie e istruttore contabile): diploma di istruzione secondaria di secondo grado di: ragioniere, perito commerciale, perito aziendale, analista contabile od operatore commerciale, che consenta l’iscrizione ad una facoltà universitaria;
  • codice AMC/CAM (istruttore amministrativo): diploma di istruzione secondaria di secondo grado che consenta l’iscrizione ad una facoltà universitaria;
  • codice ITC/CAM (istruttore sistemi informativi e tecnologie/istruttore informatico): diploma di istruzione secondaria di secondo grado di ragioniere programmatore, perito informatico o altro diploma equivalente a indirizzo informatico, che consenta l’iscrizione ad una facoltà universitaria;
  • codice CIC/CAM (istruttore comunicazione e informazione): diploma di istruzione secondaria di secondo grado, che consenta l’iscrizione ad una facoltà universitaria;
  • codice CUC/CAM (istruttore policy regionale e istruttore culturale): diploma di istruzione secondaria di secondo grado che consenta l’iscrizione ad una facoltà universitaria;
  • codice SAC/CAM (istruttore socio-assistenziale): diploma di istruzione secondaria di secondo grado, che consenta l’iscrizione ad una facoltà universitaria.

Concorso per categoria giuridica D

Il corso-concorso della Regione Campania per la categoria giuridica D, posizione economica D1, al contrario dell’altro, è il concorso per quei profili in possesso di diploma di laurea. In particolare, con questo bando, la Regione Campania ha messo a bando 950 posti a tempo indeterminato. Nello specifico, le unità saranno così suddivise:

  • 328 unità saranno dislocate presso la Regione Campania;
  • 15 unità saranno impegnate presso il Consiglio regionale della Campania;
  • 607 unità saranno distribuite presso gli Enti locali della Regione Campania.

I profili di categoria D ricercati in Campania

Anche i profili ricercati per il concorso delle unità di categoria D sono molteplici. In estrema sintesi, secondo le richieste della Regione Campania e degli Enti locali campani, possono essere suddivisi in:

  • 125 unità di personale di ruolo a tempo indeterminato per il profilo di funzionario risorse finanziarie, funzionario pianificazione e controllo di gestione e funzionario specialista contabile (codice CFD/CAM);
  • 380 unità di personale di ruolo a tempo indeterminato per il profilo di funzionario amministrativo, funzionario amministrativo e legislativo e funzionario specialista amministrativo (codice AMD/CAM);
  • 143 unità di personale di ruolo a tempo indeterminato per il profilo di funzionario tecnico e funzionario specialista tecnico (codice TCD/CAM);
  • 62 unità di personale di ruolo a tempo indeterminato per il profilo di funzionario sistemi informativi e tecnologici e funzionario informatico (codice iTD/CAM);
  • 19 unità di personale di ruolo a tempo indeterminato per il profilo di funzionario comunicazione e informazione (codice CID/CAM);
  • 108 unità di personale di ruolo a tempo indeterminato per il profilo di funzionario policy regionali e funzionario specialista in attività culturali (codice CUD/CAM);
  • 66 unità di personale di ruolo a tempo indeterminato per il profilo di funzionario specialista socio-assistenziale (codice SAD/CAM);
  • 47 unità di personale di ruolo a tempo indeterminato per il profilo di funzionario di vigilanza (codice VGD/CAM);

I requisiti per l’ammissione al concorso

Anche in questo caso, i requisiti si suddividono in generali e specifici per ogni profilo. Rimandando al bando per i requisiti generali, i requisiti specifici si suddividono in:

  • codice CFD/CAM (funzionario amministrativo e legislativo, funzionario amministrativo): laurea delle classi L-18 Scienze dell’economia e della gestione aziendale o L-33 Scienze economiche oppure diploma di laurea in Economia e commercio, Economia aziendale, Economia delle amministrazioni pubbliche e delle istituzioni internazionali, Economia e gestione dei servizi, Economia politica, Scienze economiche, statistiche e sociali, Economia delle istituzioni e dei mercati finanziari, Economia e finanza;
  • codice TCD/CAM (funzionario tecnico, funzionario specialista tecnico): laurea delle classi L-7 Ingegneria civile e ambientale, L-17 Scienze dell’architettura, L-21 Scienze della pianificazione territoriale, Urbanistica, paesaggistica e ambientale oppure diploma di laurea in Ingegneria civile, Ingegneria edile, Architettura, Ingegneria edile-architettura, Ingegneria per l’ambiente e il territorio, Pianificazione territoriale e urbanistica, Pianificazione territoriale, urbanistica e ambientale, Urbanistica;
  • codice ITD/CAM (funzionario di sistemi informativi e tecnologici e funzionario informatico): laurea delle classi L-8 Ingegneria dell’informazione, L-31 Scienze e tecnologie informatiche oppure diploma di laurea in Ingegneria informatica, ingegneria elettronica, ingegneria delle telecomunicazioni, Informatica, Scienze dell’informazione;
  • codice CID/CAM (funzionario comunicazione e informazione): laurea delle classi L-14 scienze dei servizi giuridici, L-33 Scienze economiche, L-10 Lettere, L-5 Filosofia, L-20 Scienze della comunicazione, L- 40 Sociologia, L-36 Scienze politiche e delle relazioni internazionali, L-16 Scienze dell’amministrazione e dell’organizzazione oppure diploma di laurea in Giurisprudenza, Economia e commercio, Lettere, Filosofia, Scienze della comunicazione, Sociologia, Scienze politiche, Relazioni pubbliche;
  • codice CUD/CAM (funzionario di policy regionali, funzionario-specialista in attività culturali): laurea delle classi L-10 Lettere, L-5 Filosofia, L-1 Beni culturali, L-3 Discipline delle arti figurative, della musica, dello spettacolo e della moda, L-43 tecnologie per la conservazione e il restauro dei beni culturali, L- 40 Sociologia, L-15 scienze del turismo, L-24 Scienze e tecniche psicologiche oppure diploma di laurea in Lettere, Filosofia, Discipline delle arti, della musica e dello spettacolo, Conservazione dei beni culturali, Sociologia, Economia del turismo o Psicologia;
  • codice SAD/CAM (funzionario specialista socio-assistenziale): iscrizione all’Albo Professionale degli Assistenti Sociali ai sensi della legge 23 marzo 1993, n. 84.

Procedura corso-concorsuale

La procedura corso-concorsuale, comune a entrambi i bandi, prevede due fasi. La prima fase preliminare consiste in una prova preselettiva, una prova selettiva e una fase di formazione. Nella seconda fase, successiva alla prima, si terrà una prova orale. In particolare:

  • prova preselettiva: la prima fase selettiva, comune a tutti i profili professionali, consiste nella somministrazione di 80 quesiti a risposta multipla, di cui 50 logico-deduttivi, logico-matematici e critico-verbali, e 30 su Titolo V della Costituzione, diritto amministrativo, disciplina del lavoro pubblico, diritto regionale e degli Enti Locali con particolare riferimento allo statuto e ordinamento della Regione Campania, nonché della geografia politica ed economica;
  • prova selettiva: la seconda fase, distinta per ogni profilo professionale e riservata ai candidati che hanno superato la prima fase, prevede la somministrazione di 60 quiz a risposta multipla, che vertono su materie specifiche per ogni profilo; si rimanda ai bandi per le singole materie;
  • fase di formazione: in questa fase i candidati parteciperanno ad uno stage retribuito, della durata di 10 mesi, distinto a seconda del profilo professionale per il quale concorrono; la frequenza è obbligatoria, e non inferiore all’80% delle ore programmate, ed è finalizzata alla realizzazione di un project work; durante questo periodo ogni candidato percepirà una borsa di 1.000,00 euro lordi mensili;
  • prova orale: al superamento della fase di formazione, i candidati saranno sottoposti ad un colloquio interdisciplinare, distinto a seconda del profilo professionale per il quale si concorre; nella stessa sede, inoltre, si verificheranno anche la conoscenza della lingua inglese, delle tecnologie informatiche e della comunicazione e del Codice dell’amministrazione digitale.

La commissione esaminatrice, sulla base del punteggio complessivo conseguito nella prova scritta, della prova finale di valutazione della attività di formazione e rafforzamento delle competenze, nella prova orale e del punteggio attribuito ai titoli, stilerà la graduatoria espressa in centesimi. In ordine di graduatoria, poi, i candidati potranno scegliere fra le sedi di lavoro disponibili.

A questo punto, se siete interessati, non vi resta che presentare la domanda di partecipazione. Questa dovrà essere presentata attraverso il Portale Step One 2019, entro le 23:59:59 dell’8 agosto 2019.